Anna Pozzi

Non usi Linkedin per trovare lavoro come copywriter? Ecco perché sbagli

Non mi piacciono le mezze misure. Riconosco che nella vita, spesso, non si può ridurre tutto a bianco/nero, ma sul lavoro la cosa è diversa: c’è bisogno di prendere posizione.

E tu, come copywriter freelance alle prime armi o che cerca di aumentare i clienti, hai bisogno di dritte chiare, precise, non di “potresti provare questo, ma anche quello”

Ci sono metodi e strategie che funzionano, per trovare lavoro come copywriter, e altri che è meglio lasciar perdere. Oggi ti parlerò di come non puoi rinunciare a Linkedin, se hai intenzione di fare sul serio.

Ma anche del perché tante persone hanno paura a crearsi un profilo sul social network dei professionisti, si bloccano all’idea di dover pubblicare qualcosa e… si rifugiano su Instagram (e anche su Threads, ora). Tu però non farlo. Ti spiego perché.

trovare lavoro come copywriter su linkedin

Sei un copywriter alla ricerca di offerte di lavoro? Inizia da qui

È arrivato il fatidico momento: hai completato la tua formazione come copywriter (conosci già Copy School?) e ora devi iniziare a camminare con le tue gambe.

La tentazione di buttarti in un altro corso è tantissima (potresti rimandare il temuto momento della ricerca del primo cliente: mica male…). L’ansia ti morde alle caviglie. Non vuoi stare con le mani in mano, hai bisogno di agire. 

Trovato! Ecco cosa fare: aprire un profilo da copywriter freelance su Instagram. Non so come dirtelo ma… se sei a questo punto, qualcosa è andato storto. Facciamo un bel rewind. E poi sovrascriviamo il nastro. 

È vero, il posizionamento è importante e l’inbound è un canale irrinunciabile, ma lavorare sul tuo personal brand su un social piuttosto generalista come Instagram non è la scelta più saggia per trovare lavoro come copywriter in tempi brevi.

Te lo dico così, secco: le aziende non cercano copywriter su Instagram. Li cercano attraverso altri canali: portali di annunci di lavoro, piattaforme per freelance come Upwork e social network per professionisti. Di questi ultimi ne esiste solo uno che valga la pena frequentare, Linkedin.

Linkedin è pieno di offerte di lavoro, anche per copywriter. Ma la sua potenza non si esaurisce certamente qui – un attimo di pazienza, te ne parlo più sotto.

Offerte di lavoro per copywriter: dove trovare le migliori

offerte di lavoro su linkedin
Ogni giorno ci sono nuovi annunci di lavoro per copywriter su Linkedin


Di quali sono i siti migliori per trovare lavori di copywriting ne ho parlato nell’articolo su come lavorare come copywriter da casa, qui mi limito a parlarti della sezione “Lavoro” di Linkedin.

La trovi in alto, nella barra degli strumenti, cliccando sull’icona a forma di ventiquattrore (ovviamente!). Dopodiché:

  1. Usa la barra di ricerca: Linkedin ti suggerirà termini coerenti con il tuo profilo e le tue qualifiche
  2. Scegli se circoscrivere la ricerca a una città, uno Stato o un CAP
  3. Filtra tra i risultati che ottieni, se stai cercando qualcosa di specifico
  1. Scegli se impostare un avviso per quella specifica ricerca

Su Linkedin trovi offerte di lavoro per copywriter in presenza e da remoto, spesso inseriti da grandi aziende e/o multinazionali, ma anche da piccole e medie agenzie di comunicazione o attività locali.

Ricorda: i filtri e gli avvisi sono i tuoi migliori amici. Impara a usarli bene. Ma so quello che stai pensando: “ho troppa poca esperienza per essere scelto da un’azienda…”. Niente paura. Linkedin è uno strumento formidabile anche per chi parte da zero per lavorare con la scrittura, come vedremo ora.

Cercare lavoro come copywriter senza esperienza: come Linkedin può aiutarti

Dicevamo: cercare lavoro come copywriter senza esperienza su Linkedin sembra quasi paradossale… sarà davvero una scelta furba

Sì, lo è. Perché Linkedin è molto più che un motore di ricerca per offerte di lavoro. È un mostro a tre teste (che non mordono, per fortuna). Lo rivela la sua stessa toolbar: c’è la parte dedicata alla Rete, quella dedicata al Lavoro e quella alla Messaggistica.

Linkedin si “compone” di questi tre grandi ecosistemi:

  • La rete di contatti, che ruota attorno al tuo profilo
  • Il motore di ricerca di annunci e offerte di lavoro (per copywriter e non solo)
  • La messaggistica, che puoi immaginare come una “posta interna” di un’azienda iper mega grande

Tre ecosistemi, numerose opportunità e altrettanto numerosi modi di usare questo social network. Per te che inizi senza esperienza nel copywriting e punti a trovare la prima collaborazione, Linkedin può essere utile per scoprire realtà che potresti aiutare e, soprattutto, entrare in contatto con esse con pochi click.

Ma non solo: puoi anche crearti una rete di colleghi più o meno al tuo stesso livello che, oltre a condividere il viaggio con te, possono anche condividere occasioni di lavoro (capita più spesso di quanto pensi: proprio ieri ho ricevuto un invito privato per entrare a far parte di una rete di professionisti).

Poi puoi anche farti conoscere da imprenditori, liberi professionisti e aziende, poco per volta, un post dopo l’altro. Su Linkedin puoi pubblicare con molta più libertà che su altri social network, a differenza di quello che si crede. Perché su Linkedin, davvero, basta scrivere. Che se i miei calcoli non sono sbagliati, è una cosa che ti appassiona

banner copy school

Il metodo per creare contenuti da pubblicare su Linkedin

No, non volevo dire che puoi scrivere tutto quello che ti passa per la testa. Volevo dire una cosa differente: su Linkedin puoi iniziare con il minimo sforzo. Niente caroselli. Niente video in cui devi fare mosse strane. Niente immagini elaborate.

Scrivi e basta. E l’impatto delle tue parole fa il resto. A patto che tu scriva degli argomenti giusti, ovviamente. Quali sono? Non lo so, lo puoi sapere solo tu. Ecco in sintesi la strategia di base per pubblicare contenuti su Linkedin:

  1. Stabilisci quali sono i tuoi argomenti pillar: i temi-chiave attorno a cui i tuoi post graviteranno. Pensa a quali clienti vorresti attirare e a cosa potresti fare per loro, questo ti aiuterà a capire di cosa parlare
  2. Scegli tre tipologie di post: potresti voler condividere un’opinione personale, un caso studio, un consiglio relativo al settore di cui ti occupi, una storia ecc.
  3. Raccogli idee per ognuno dei pillar scelti e ogni idea declinala in ogni tipologia di post: et voilà, ti troverai con qualche manciata di potenziali contenuti da pubblicare

Il segreto è la coerenza. Le persone attratte da ciò che scrivi devono poter tornare da te in cerca di quello stesso contenuto e devono trovarlo. Se parli di cucina un giorno, di calcio un altro e di tasso di apertura email un altro ancora… beh, hai capito. Le tue parole si perderanno nell’etere.

Come avere successo su Linkedin? Tre strategie

cercare lavoro copywriter linkedin

Linkedin è utile per molti scopi: farsi notare, raggiungere potenziali clienti, attirare contatti che possono avere bisogno di noi (e noi di loro) oggi o in futuro. E come abbiamo visto, possiamo anche trovare offerte di lavoro interessanti.

Ma come si usa Linkedin per raggiungere ognuno di questi obiettivi? C’è un punto di partenza comune per tutti: la creazione del proprio profilo. Il tuo profilo è il tuo biglietto da visita, solo… molto più lungo di un classico bigliettino cartaceo. E ottimizzato per la SEO.

Cosa significa questo? Che alla stesura del tuo profilo Linkedin dovresti dedicare molta attenzione e la necessaria dose di tempo. Devi fare colpo in poche righe. Attirare gli occhi giusti. Far capire in poche parole chi sei, cosa fai, per chi lo fai (e perché dovrebbero scegliere di connettersi con te).

Tutto ciò senza dimenticarti della SEO, perché il motore di ricerca di Linkedin funziona mooooolto bene, e quindi se vuoi essere trovato come “copywriter” non puoi scrivere “scrittore in erba” nella tua bio. 

Superato lo scoglio della scrittura e ottimizzazione del profilo (non dimenticarti una foto di qualità), ecco tre modi in cui puoi usare Linkedin a tuo vantaggio. 

Linkedin per l’outreach: come si usa?

Outreach è, tecnicamente, l’azione di rivolgersi all’esterno per raggiungere un pubblico più ampio. Come copywriter freelance significa andare a cercare i clienti direttamente, sollecitando una conversazione che può dar luogo a una collaborazione.

Come? Selezionando con cura aziende e persone a cui rivolgersi, aggiungendo queste persone alla propria rete e inviando un primo messaggio personalizzato che punta a stabilire un contatto. A ottenere una risposta.

Ottenuta la risposta si cercherà di portare la conversazione verso l’obiettivo che ci si è dati. Ecco, l’obiettivo devi averlo chiaro: contattare persone a caso per proporti come copywriter non funziona. Contattare persone appartenenti a realtà per le quali potresti essere d’aiuto, funziona.

Esempi di realtà per cui essere d’aiuto: un professionista che ha un sito ma non ha un blog (e potrebbe giovarne). Un professionista che ha un sito ma non pubblica post su Linkedin (e avrebbe bisogno di farlo). E via dicendo.

Content marketing su Linkedin (per copywriter)

Questa seconda strategia ribalta completamente la situazione. Non sei tu a cercare gli altri, ma a farti cercare sfruttando la forza di attrazione dei tuoi contenuti. Se con l’outreach puoi usare Linkedin in modalità “passiva”, per così dire, con questa strategia invece sei protagonista attivo. Devi esporti.

Vale quanto detto prima: devi capire quali argomenti, quali considerazioni, quali riflessioni possono essere di interesse per il cliente-tipo di cui hai bisogno. Dopodiché devi solo pubblicare e attenderlo al varco.

Si fa per dire “solo”, perché come forse sai già è un processo lungo. Ma che poi porta grossi ritorni. Quindi, prima si inizia meglio è – a patto, lo ripeto ancora una volta, di riflettere molto bene sui contenuti da pubblicare.

Sfruttare gli annunci di lavoro su Linkedin

In questo caso la parola d’ordine è una: tempismo. Imposta con attenzione avvisi e filtri, analizza subito le nuove offerte di lavoro e candidati il prima possibile. Ma non fermarti lì.

Invia una richiesta di collegamento all’autore dell’annuncio, accompagnata da un messaggio. Spesso questa semplice mossa ti assicura quell’attenzione che altrimenti non avresti. 

E soprattutto, non perdere la pazienza – né la motivazione. Non farai centro alla prima candidatura, è quasi certo. Cercare lavoro è un lavoro. Non dimenticarlo mai.

Non usi Linkedin per paura di esporti? Ecco cosa ti dico

paura di esporsi

Ci sono passata anche io. Ho aperto il profilo Linkedin tipo… dieci anni fa? Non ricordo con precisione, ma più o meno ci siamo. Ho iniziato a pubblicare con costanza solo di recente.

Ho usato molto Linkedin negli anni scorsi, per l’outreach e per candidarmi ad alcune offerte di lavoro interessanti. Ho ottenuto ottimi risultati. Ma pubblicavo poco o niente, senza nessuna regolarità, senza nessun obiettivo.

Ero reticente a fare il primo passo. Sì, quelle vocine che probabilmente girano nella tua testa ora giravano anche nella mia. “E se poi nessuno apprezza i miei post?”. La paura del fallimento, sempre lei. La paura che qualcuno con le sue azioni confermi le peggio cose che pensiamo su noi stessi. Sono le stesse paure che, forse, ti impediscono di iniziare a lavorare come copywriter.

Beh, sarò schietta: non c’è altro modo per superare queste paure (e capire che sono infondate) che affrontarle di petto, anzi di penna. Un post alla volta. L’inizio sarà lento, i tuoi primi post non se li filerà nessuno, ma è così per tutti e vedrai che post dopo post ti importerà sempre di meno degli altri… e sempre di più di te.

Sarà una sfida con te stesso. “Come posso essere ancora più efficace con la scrittura?”, “Cosa posso condividere di ancora più utile?”. Ecco, questo è il social writing che mi piace (e mi piace molto). Spero che sarà così anche per te.

Dopo tutto questo racconto, posso non invitarti sul mio profilo Linkedin? No che non posso. Quindi ti invito a collegarti con me e a farmi scoprire il tuo profilo. E se hai dei dubbi su cosa scrivere o come scriverlo, mi trovi nei commenti.

Condividi questo articolo
Anna Pozzi
Anna Pozzi

Copywriter e content strategist con un passato da giornalista, oggi si realizza nel formare chiunque desideri lavorare con il copywriting e trasformare la passione per la scrittura in una professione.

Quando non fa ciò, è impegnata ad aiutare le aziende migliori a far esplodere la loro comunicazione.

Nei momenti in cui non ha le mani sulla tastiera o una penna in mano, o è immersa nella natura o sta viaggiando (nei casi più fortunati, tutt'e due).

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *